Dei Romani 💎 Principali divinità romane

Cosa sono gli Dei romani?

Le principali divinità di Roma sono:

  • Giove. Questo è il nome romano del padre degli dei e degli uomini, quindi è riconosciuto come il signore del cielo e colui che amministra la giustizia. È generalmente associato ad attributi come il fulmine, l’aquila e lo scettro.
  • Giunone. Madre di Marte, protettrice della donna, della famiglia e del matrimonio, è anche conosciuta come la regina degli dei. E ‘associato con una corona e un pavone.
  • Nettuno. Il dio dei mari e dell’acqua, così tutti gli esseri viventi acquatici sono stati costretti ad adorarlo. È riconosciuto da elementi come il carrello e il tridente.
  • Minerva. Non meno della dea della guerra e dell’intelligenza, è anche conosciuta come figlia di Giove; è rappresentata con una lancia, uno scudo e un elmo.
  • Bacco. Era il dio romano del vino.
  • Venere. La dea dell’amore nata dalla schiuma del mare è senza dubbio una delle più popolari, rappresenta anche la fertilità e la bellezza. I suoi attributi sono la conchiglia, la colomba e la spada.
  • Diana. È la dea della bellezza interiore, della luna, della verginità e della pace, ed è stata anche una grande cacciatrice. L’arco d’argento, la freccia, il faretra e, naturalmente, la luna attirano l’attenzione.
  • Plutone. Egli è il signore degli inferi, cioè il dio dei morti e quindi è stato uno dei più rispettati. Tra i suoi attributi spiccano la carrozza trainata da quattro cavalli neri, la corona e il trono d’ebano.
  • Mercurio. Era il dio del commercio, il suo nome è legato al latino “merx” o merce.

 

Esplorare il mondo degli dei romani è qualcosa che ha sempre suscitato grande interesse perché spesso è come la carta d’identità culturale di una società che inizialmente ha dato priorità solo ai miti che ne hanno spiegato la creazione e l’origine, ma anche ai riti e alle scuole sacerdotali. Pensandoci bene, parleremo un po’ di quelle divinità che sono riuscite ad adeguarsi al cosiddetto modello romano, perché per questo motivo era quasi sempre corretto che fossero legate al modello greco.

Pertanto, prima di tentare di farsi un’idea delle divinità romane a cui era stata data grande attenzione, è importante non perdere di vista il fatto che le varie influenze che in tempi recenti provenivano soprattutto dalla mitologia greca nella repubblica, furono decisive per consolidare questa serie di credenze divine che furono classificate grazie alla marcata fusione con un’equivalenza sia per Roma che per la Grecia.

roma2 - Dei Romani 💎 Principali divinità romane

Gli dèi romani

Più importanti che chiameremo allora, alcune delle funzioni e delle caratteristiche degli dèi della mitologia romana, vediamo. Tipi di divinità romane In considerazione dell’ampio elenco di divinità, si è deciso di classificarle in tre gruppi con l’intento di chiarire un po’ meglio l’origine di queste figure molto rappresentative.

  • Dire indigetes. In questo gruppo abbiamo incontrato gli dei dell’antica Roma che nel calendario avevano date speciali per dare inizio alle celebrazioni. In questa categoria sono anche parte degli dei ausiliari che sono stati incorporati, se necessario e in momenti molto specifici.
  • Dire novensides o novensiles. Sono gli dei il cui culto è stato istituito nel periodo storico con l’intenzione di trovare sostegno di fronte alle nuove esigenze e crisi percepite.
  • Imperatori divinizzato. Corrisponde ad un piccolo gruppo di personalità che hanno assunto il ruolo di imperatori e che dopo la loro morte hanno ricevuto il titolo di divinità così com’è.