Vidar

Vidar dio del silenzio, della vendetta e della giustizia, è figlio del dio Odino e del gigante Grior, ed è anche riconosciuto tra gli dei nordici come predestinato a rinascere dopo il Ragnarok o la fine del mondo.

Vidar

vidar2 - Vidar

Un dio molto tranquillo e silenzioso, da cui la sua divinità, ma con un’ampia capacità di risolvere qualsiasi conflitto, per quanto difficile possa essere, molti lo chiamavano il figlio silenzioso di Odino.

Il suo destino

Sarà vendicato dalla morte di Odino, quando durante Ragnarok sarà divorato dal lupo Fenrir che Vidar uccide e alla rinascita del nuovo mondo tornerà dalla parte di suo fratello Vali.

La rappresentazione

Vidar appare nei documenti della mitologia nordica come un uomo molto alto, forte e ben guardato.

Protetto da armatura, una spada a taglio largo in vita e scarpe molto robuste.

Alcuni dicono che le scarpe erano di ferro e le erano state date dalla madre perché conosceva la profezia e sapeva che ne avrebbe avuto bisogno nella battaglia dell’ultimo giorno a cui era destinata.

vidar4 - Vidar

Il silenzio era il suo legame

La madre di Vidar vissuta in una grotta nel deserto, dall’unione di Odino (spirito) e Gior (materia), nasce la particolarità di questo dio di avere forti legami che lo uniscono all’immensità dei boschi e della natura nel suo complesso.

Così come Heimdall aveva il suo legame con i mari e gli oceani, Vidar aveva un legame forte con le foreste, tanto che il suo palazzo era situato in una foresta impenetrabile (Landvidi), dove dominavano fiori, alberi e il silenzio più assoluto, questa solitudine era amata da Vidar.

Solo lui aveva la facoltà di attraversare le foreste più fitte senza un sentiero o un percorso stabilito, personificò in sé l’immortalità della natura, la rinascita sulla distruzione.