Uccelli di Estinfalo

 

Innanzitutto, il lago Estinfalo si trovava ai piedi del monte Cilene (nel punto più basso), dove prosciugava due fiumi attraverso canali che, dopo un canale sotterraneo, sfociavano nuovamente ad Argos; tuttavia, gli Uccelli di Estinfalo erano creature mostruose della mitologia greca.

Uccelli di Estinfalo, una delle opere di Ercole

 

Questi incredibili uccelli carnivori erano caratterizzati da becchi, zampe e ali di bronzo, ma possedevano anche una caratteristica molto rilevante e questa era la tossicità dei loro escrementi, che distrussero:

  • Il bestiame.
  • Il raccolto.
  • La gente di passaggio sul lago.

Uccelli dell'Estymphalon

 

Nessuno era riuscito a finirli, perché si difendevano facendo cadere le loro piume di metallo sui loro attaccanti e dopo averlo fatto divorato squisitamente i loro corpi, vale la pena notare che questo è accaduto solo se la persona non era armata, altrimenti, sono fuggiti.

Le dimensioni degli uccelli dello Stinphalus era così grande che le acque del lago sono stati impediti di ricevere la luce del sole o il riflesso dalle stelle. A causa dei tanti problemi con loro, Euristeo decise di affidare ad Eracle (identificato anche come Ercole) il compito di finire con gli Uccelli dello Stallone.

Ercole e gli uccelli Heracles non sapevano come eseguire questo difficile compito in quanto erano troppi uccelli per le loro poche frecce e la loro forza non era tale da distruggerli tutti.

Ma la dea Atena lo aiuta, dandogli un sonaglio di bronzo che era di sua proprietà per spaventare gli uccelli dello Stinphalus e a sua volta moltiplicato le frecce.

Pertanto, doveva solo salire in montagna, suonare il sonaglio in modo che fossero spaventati e nel suo volo Heracles li abbatteva con le sue frecce, in modo che il lago era libero dagli uccelli. Per concludere, va detto che oggi questo luogo si chiama Valle di Zaraka.