Perseo e il capo della Medusa

perseo medusa1 - Perseo e il capo della Medusa

Perseo è uno dei demigeri preferiti della mitologia greca che portò a termine compiti grandi e insoliti; fu il grande eroe che vigilava sul benessere del bene, onorava sempre gli dei, era umile e sensibile, un modello da seguire.

Perseo

perseo e medusa

Era figlio di Zeus e dei mortali Danae. Era il famoso carnefice di Medusa, e il grande salvatore della bella principessa Andromeda con la quale aveva sette figli.

L’arrivo di Perseo nel mondo non era da celebrare, poiché sua madre Danae aveva un padre di nome Acrisius il re di Argos, che voleva un figlio e per questo consultò l’oracolo, ma gli fece sapere che non avrebbe mai avuto un erede maschio, e che sarebbe stato ucciso da suo nipote che non era ancora nato.

Quando Acrisius ricevette la notizia, rinchiudeva Danae e la toglieva a tutti.

Zeus era molto affezionato a Danae così ha deciso di visitarla, ed è così che lei è rimasta incinta.

Quando il bambino nacque Acrisius chiuse sua figlia e suo nipote in una scatola enorme e li gettò in mare. Zeus li proteggeva e li portava all’Isola di Serifos, dove venivano accolti da Dictis.

Perseo e il capo della Medusa

Passarono gli anni e il re Polidectes si innamorò follemente di Dánae, visto che Perseo poteva essere un ostacolo ai suoi piani, poiché il figlio era molto protettivo nei confronti della madre, Polidectes crea un piano per portarlo via dalla madre, inventa una falsa proposta di matrimonio con una regina di un regno vicino e manda Perseo a portare la testa della gorgona Medusa come regalo per il matrimonio. Perseus accetta la missione e parte alla ricerca della gorgone.
Con l’aiuto degli dei, Perseo si presenta con vari doni che lo aiuteranno a compiere la sua ardua missione, riceve dal dio Ermes, messaggero degli dei, i suoi sandali alato che gli permettono di volare, da Atena, dea della saggezza, ottiene uno scudo così luminoso che si può vedere riflesso su di lui, riceve anche l’elmo di Ade, dio degli Inferi, con cui potrebbe essere invisibile a qualsiasi creatura, dio o umano e una falce per decapitare la gorgona.

perseo pegaso 150x150 - Perseo e il capo della MedusaCon gli oggetti forniti dagli dei, Perseo entra nella dimora delle gorgonie e mentre dormono e guidati dal riflesso del loro scudo, si avvicina a Medusa e guidato da Atena, Perseo decapita Medusa con un solo taglio e mette la testa della gorgone in un sacco, Pegasus, cavallo alato figlio di Medusa e del dio Poseidone, nasce da un corpo inerte senza testa, con l’aiuto di Pegaso, Perseo fugge dalla dimora delle gorgonie, senza che le sorelle di Medusa lo trasformino in pietra.

Con la testa di Medusa nella borsa, Perseo inizia il suo ritorno a casa, mentre incontra l’Atlante di Titano, che anni fa fu informato da un oracolo che un figlio di Zeus rubò le mele d’oro dal giardino di Esperide (Undicesima opera di Eracle), Perseo si presenta ad Atlante come un figlio di Zeus che chiede ospitalità, Atlas pensò che Perseo è il figlio di Zeus che ha rubato le mele d’oro cerca di espellerlo violentemente dal suo regno, questo fa sì che il semidio usi impulsivamente la testa di medusa, terminando con Atlas e trasformandola in pietra.

perseo - Perseo e il capo della Medusa

All’arrivo in Etiopia, incontra una donna incatenata a una roccia, Andromeda figlia di re Cefalo e la regina Cassiopea, sovrani dell’Etiopia. La regina Cassiopea si vantava di essere più bella delle nereidi (ninfe del mare) e come punizione per la sua arroganza, gli dei la costringono a sacrificare sua figlia Andromeda davanti a un mostro marino che la divorano. Perseo si stupisce quando contempla Andromeda e raggiunge un accordo con i genitori, salverà sua figlia a condizione che gli diano la mano in matrimonio, i genitori sono d’accordo e Perseo uccide la creatura con la sua spada.

Miti di Perseus

Con Andromeda già salvato dal mostro marino, riprende il suo viaggio con la moglie e la testa della gorgone. Arrivano a Serifos, dove Perseo incontra sua madre, Danae, e Dictis, fratello del re, nascosto in un tempio evitando i soldati di Polidectes, mentre vuole concludere il suo piano e sposare Danae. Quando vede quello che sta succedendo, appare davanti alla corte di Polidectes e finisce per mostrargli la testa di Medusa e trasformarla in pietra.

Con Polidectes trasformato in pietra, Perseus incorona il fratello di Polidectes, Dictis, come re dell’isola di Sepphires. Perseo, insieme ad Andromeda e sua madre, Danae, torna ad Argos, dove suo nonno Acrisio, informato del suo arrivo in città, fugge per paura della profezia.
Il destino di Acrisio arriva durante alcuni giochi ai quali Perseo partecipa e ai quali nessuno dei due sa di trovarsi nello stesso posto. Quando Perseo lancia il giavellotto, devia dal suo obiettivo raggiungendo uno spettatore che guardava le partite, lo spettatore ucciso dalla lancia di Perseo, era Acrisio.