Eros, il dio degli innamorati

L’eros è responsabile per l’attrazione sessuale, l’amore e il sesso, queste caratteristiche conferiscono il suo status di dio primordiale insieme a Tartaro, Gea e Caos.

La presenza di questo dio ha permesso alle sorelle Gaia e Caos di concepire i bambini da soli. Altre storie lo attribuiscono come figlio di Afrodite e Ares, rendendolo assistente di Ares.

Mentre sua madre presiedeva l’amore dell’uomo per la donna, Eros era il patrono dell’amore tra gli uomini.

In altre versioni l’eros aveva due fratelli: Anteros e Himero, il primo, era considerato la manifestazione dell’amore corrispondente; il secondo, incarnava il desiderio sessuale tra gli innamorati.

 

L’eros nella mitologia narrativa

Una delle storie più importanti della divinità nella mitologia si trova accanto ad Apollo. Come punizione per la beffa, l’eros fece innamorare Apollo di una ninfa figlia di Ladone di nome Daphne.

Il dio continuò a pedinare la ragazza nonostante fosse stata respinta e pregò il dio fluviale Peneo per aiutarla a fuggire da Apollo. Peneo accettò e la trasformò in un alloro. Simbolo che in seguito sarebbe stato attribuito ad Apollo.

Romanticismo con Psiche

Psiche era un mortale considerato la donna più bella del mondo.

Era così abbagliante che anche gli uomini lo adoravano come la reincarnazione di Afrodite, la dea, gelosa che gli uomini avrebbero abbandonato i loro altari per adorare un mortale inviato l’eros a innamorarsi dell’uomo più sgradevole. Tuttavia, si innamorò di lei e chiese al vento di portarla al suo palazzo, lì, il dio le offrì tutto ciò che aveva in cambio di essere sua moglie.

Le sorelle di Psiche, gelose della sua nuova vita, la portano a tradire la fiducia dell’eroe che la rattrista e la abbandona. La tristezza portò Eros a perdere una parte della sua bellezza e la giovane Psiche, sentendosi colpevole, scese negli inferi per chiedere a Persefone una parte della sua bellezza e ristabilire così ciò che la sua amata aveva perso.

Vedendo tutto ciò che la sua amata fece per lui, Eros decise di perdonarla e chiese a sua madre il permesso di sposarsi e a Zeus di renderla immortale, in modo che potesse essere con lei per tutta l’eternità, insieme al resto degli dei greci.

eros

Famiglia e figli

L’unione tra Dio e Psiche ha dato origine alla sua unica figlia Hedone. Simboleggia piacere e piacere sensuale.