Basilisco, il re dei serpenti

 

Per cominciare, il Basilisco era un essere mitologico creato dalla mitologia greca, questa è una sorta di serpente che, secondo Plinio e altri autori, si credeva nei deserti dell’Africa.

Era considerato il re dei serpenti che uccide con un solo sguardo.

Secondo Plinio per la sua storia naturale era un serpente lungo meno di dodici dita e molto velenoso, tanto da lasciare una scia di veleno dove passa.

 

Basilisco, il serpente velenoso

 

 

È importante sapere che la sua debolezza è l’odore di donnola che la spaventava direttamente alla sua tana, forse le leggende del Basilisco in Europa provengono da alcune specie asiatiche di serpente, come il cobra reale, e il suo predatore naturale, la mangusta.

Aspetto Il Basilisco ha una testa molto forte e su di esso ha una macchia bianca come una corona a tre punte, gli occhi come le fiamme, cioè molto luminoso e rosso.

Il suo corpo è piccolo e il suo colore è diretto verso il nero, punteggiato di macchie bianche, ha una coda lunga e sottile e ha sempre una coda riccia.

Inoltre, come re dei serpenti, spaventa sempre il resto di loro, per quello che è anche conosciuto come Régulo, è una fama volgare che con la sua vista e il respiro uccide per l’efficacia del suo veleno.

Sfortuna di Trovare un Basilisco

Trovare un Basilisco era un simbolo di sfortuna perché portava con sé la morte di intere famiglie, il dolore era insopportabile ed era accompagnato da una tosse secca che gradualmente si assottigliava a tal punto che a poco a poco rimase nelle ossa e vale la pena ricordare che anche il resto degli abitanti della casa si ammalarono a morte.

Era così tanto che streghe e sacerdoti lanciavano incantesimi mentre bruciavano le case dove avveniva il male del Basilisco.

Tipi di Basilisco

La presenza di questi coloni indesiderati ha dato luogo a centinaia di storie e anche quattro tipi di basilischi sono stati datati.

  • Il Basilisco comune: Quello descritto sopra, quello che l’intera popolazione temeva.
  • Basilisco Sauro: Era lungo circa 2 metri, aveva poca intelligenza e si muoveva lentamente pur avendo otto zampe e pietrificato con lo sguardo.
  • Sauro Mayor Basilisk: più grande e intelligente del precedente, e secondo le leggende, difensori del tesoro erano la sua arma migliore, dal momento che era in grado di distruggere i suoi attaccanti.
  • La pirolisi: Era una varietà del basilisco comune, ma con maggiore ferocia, immune da incantesimi e fuoco, il suo respiro poteva bruciare chiunque a distanza e si temeva la fenice.