Atlante

atlas2 - Atlante

Atlante era un forte titano nella mitologia greca, figlio di Japeto e della ninfa Climene, dopo la titanomaquia i Titani dell’Olimpo furono messi all’ordine di Zeus e dei suoi fratelli, Zeus impose una punizione a questo dio e doveva portare l’arco del cielo sulle sue spalle nel mare occidentale vicino allo Stretto di Gibilterra.

Atlante

atlas 300x300 - Atlante

L’immagine di Atlante è raffigurata con un uomo nudo, esausto, ribelle e barbuto, che tiene sulle spalle l’enorme arco del cielo in ginocchio per separare il cielo dalla terra e mantenere l’equilibrio e la forza in tutto l’universo.

Questa punizione era stata imposta da Zeus per la sua alleanza con crono di cogliere il cielo, questa battaglia durò 10 lunghi anni e i Titani furono sconfitti.

Fu allora che Zeus gli affidò questo compito e cacciò gli altri Titani dall’inferno per tale ribellione.

Mentre Atlas teneva la grande volta celeste, le sue figlie atlantiane (Pleiadi e Ade) illuminano l’opera dell’uomo.

Inoltre, aiutò Ercole a trovare le mele d’oro che garantivano l’immortalità nel giardino delle Esperidi, che era custodito da Ladone, un drago con cento teste, mentre Ercole teneva l’arco del firmamento.

Inoltre, la leggenda narra che Perseo, figlio di Zeus, visitò Atlante e gli chiese di passare la notte con lui, ma rifiutò, perché ricordava la profezia che il figlio di Zeus avrebbe rubato le mele d’oro dal giardino di Esperidi.

Più tardi, Perseo, infastidito dalla sua mancanza di ospitalità, lo minacciò e tagliò la testa di Medusa con la sua catena, per poi trasformarla in una montagna di pietra più conosciuta come il Monte Atlante, dove il cielo e le stelle riposano.