Ogmios, il dio della conoscenza

Nella mitologia celtica, Ogmios (noto anche come: Ogma, Oghma, Ogmé, Ogmé, Ogmia), era il dio primordiale che univa gli esseri umani con gli dei, oltre a ciò, è considerato il dio della conoscenza, della letteratura e dell’eloquenza, è anche accreditato con la creazione dell’alfabeto di Ogham e la scrittura.

Tra le sue tante altre attribuzioni c’è quella di essere il dio del cielo notturno e soprattutto dei giuramenti, essendo il dio dell’eloquenza unito il mago con le parole date, che costituivano una base più grande per la punizione dello spergiuro che era una minaccia sociale per gli antichi Celti.

Rappresentazione di Ogmios

ogmios1 - Ogmios, il dio della conoscenza

Questa divinità è descritta come un uomo anziano calvo che indossa una pelle di leone e che porta un macis, arco e faretra tra le altre armi.

Egli è anche raffigurato come un vecchio che tira centinaia di uomini per le orecchie attraverso piccole catene d’oro che sono anche legati alla lingua trafitta del dio.

È comunemente associato con altri dèi romani come Ercole ed Ermete.

Come il dio della conoscenza, era considerato il dio preferito dei druidi, in quanto rappresentava il potere della parola.

Per gli antichi Druidi, la lingua e l’oratorio contenevano un grande potere, quindi erano considerati esoterici e troppo importanti per essere insegnati a chiunque. Come divinità simbolo di eloquenza, fu invocato prima di una battaglia per incoraggiare e accendere i soldati, che dà a Dio una natura guerriera.

Rappresentava il potere della parola, era il garante dei giuramenti e puniva coloro che facevano voti vani.

ogmios  - Ogmios, il dio della conoscenza

Egli era anche colui che univa l’umanità con gli dei per il potere delle parole rituali ed è stato sotto il suo nome che ha pregato per le benedizioni e la fortuna per gli amici così come i cattivi propositi e le maledizioni per i nemici.